Quando si parla di sanitari bagno la domanda più frequente è sempre la stessa: “ma anche la vasca da bagno fa parte dei sanitari?”. Abbiamo ascoltato i pareri degli interior design più moderni e in voga e gli architetti dalle vedute più ampie, eppure in linea di massima non possiamo non considerare altro, in questa categoria, che si discosti da: water, bidet e copriwater. Vista la complessità dell’arredo di alcuni bagni di ultima generazione e il gran numero di complementi posizionati in questo spazio, alcune scuole di pensiero tendono ad includere nella definizione di sanitari anche il lavabo. Non è un caso se, considerato il grande successo nella vendita di sanitari bagno sospesi (per intenderci quelli a forma a uovo), anche i lavandini senza appoggio stanno riscontrando molte simpatie nel pubblico italiano che, sempre più di frequente, desidera montarli negli spazi di servizio e di toilettatura.
Sanitari bagno sospesi o a pavimento
Un buon copriwater tra sanitari moderni
Sanitari filo muro
Un bagno di colori
Per anziani e per disabili
Prezzi
I marchi più gettonati e apprezzati

Per i meno esperti nel settore ricordiamo come il termine lavabo si riferisca specificatamente al contenitore per l’acqua che utilizziamo nei bagni, mentre per lavandino si intende un termine più generico, valido anche per la versione da cucina, caratterizzata spesso, dalla presenza di un miscelatore con doccino. La terminologia lavello indica invece il prodotto tipico della sala la pranzo, utile per pulire le stoviglie e solitamente non impiegato per soddisfare le esigenze di igiene personale. Continuando il discorso precedentemente iniziato, potremo escludere anche il box doccia dal concetto di “sanitari per bagno”, anche se ne accetteremo l’utilizzo in riferimento ad un utente che vuole rifare uno spazio per servizi completo e quindi accessoriato di tutti i mobili e complementi che, in un’accezione più ampia, potremmo definire “sanitari”.

Sanitari più comuni e più bizzari

sanitari-bagnoNon ci stancheremo mai di sottolineare come il Mondo Bagno sia un luogo ideale in cui offrire libero sfogo alle proprie fantasie in ambito di design. La scelta dei sanitari per toilet è talmente ampia da garantire ad ogni palato il complemento d’arredo più adatto. Persino arredi più esotici, come nel caso dei sanitari tipici giapponesi, un tempo così lontani dalle nostre abitudini domestiche, divengono progressivamente più comuni tra i bagni italiani. L’emblema di queste trasformazioni dettate da contaminazioni a livello globali è il wc con bidet. Si tratta non soltanto di un gabinetto di design, ma di un sanitario di tendenza, utilissimo anche per aiutare gli anziani e gli utenti più esigenti. Se la classica forma del water per disabili, caratterizzata dalla presenza di un’apertura centrale, non soddisfa i vostri criteri estetici, ma avete ugualmente bisogno di un supplemento che renda più agevole il lavaggio post evacuazione di una persona di una certa età, allora il wc stile Japan è il sanitario perfetto per le vostre esigenze. La possibilità di avere un anello del cesso riscaldato, evitando traumi termici davvero fastidiosi, delle luci di segnalazione che semplifichino il percorso verso i sanitari, quando scappa la pipì durante la notte, la pulizia automatica del gabinetto ed una sua costante igienizzazione, solo solo alcuni dei vantaggi si acquistare 2 sanitari in uno. Naturalmente non si tratta di soluzioni a buon mercato, come quelle dell’Ikea, ma di una qualità che implica un prezzo più alto del solito.

Il copriwater non copre un wc

Anche se l’accezione lessicale potrebbe confondere, quando ci si riferisce ad un copri water si allude generalmente al coprisedile e non ad una copertura di protezione che scongiuri l’accumulo di polvere e di sporcizia lungo l’anello del sanitario. Un gabinetto non potrà mai dirsi completo se manca questo elemento, perchè sarà lui a donare comfort alle natiche, quando ci si appresta ad esplicare i propri bisogni corporei. L’atto dell’evacuazione diventa quindi molto più piacevole grazie a questo spessore frapposto tra il wc e il nostro sedere, perchè scongiura la terribile sensazione di freddo che si avverte quando ci si siede su di un water privo di seduta copriwc. Esistono in commercio di tanti tipi e di molte varietà cromatiche, pronte a soddisfare le esigenze di chiunque voglia arredare il bagno con criteri estetici. Anche se i copriwater risultano di solito delicati, funzioni come il “soft close” permettono una chiusura più “morbida”, riducendo le possibilità di rompere i sedili copriwc a causa di una straordinaria veemenza o disattenzione.

Sanitari un filo migliori

Anche se non si tratta di un’affermazione completamente veritiera,  sanitari a filo muro risultano certamente più apprezzati rispetto quelli classici più squadrati, con base d’appoggio sul pavimento. Non si tratta sempre di sanitari sospesi, che invece fanno parte di un’altra categoria, ma dal punto di vista dell’aspetto, i sanitari a filo parete si presentano molto meglio di quelli a pavimento. La differenza con i sanitari più antichi, sempre meno richiesti, rimasti ancora in moltissimi bagni italiani, soltanto perchè non si sono ancora rotti, è la mancanza di spazio tra il bidet o il gabinetto e il muro perimetrale della stanza. Da un punto di vista prettamente organizzativo, i sanitari radenti alle pareti mantengono il bagno più pulito, perchè offrono meno possibilità agli acari di depositarsi in quella zona. I bidet e wc a pavimento, con il tubo di scarico a vista, risultano davvero ostici da lavare con la scopa o con il mocho e necessitano di maggiori attenzioni, affinchè il bagno non si trasformi in una discoteca per polvere e capelli! La maggiore richiesta di questa tipologia di sanitario unito al muro ne ha condizionato positivamente anche il prezzo di vendita. In pochi anni, dall’essere più costosi, rispetto alla media, sono diventati sempre più economici e a buon mercato. Approfittare di offerte per sanitari bagno attaccati al muro, magari facendo un giro in iperstore come Bricoman, DemShop o Leroy Merlin, significa fare un affare di cui sarà difficile potersi pentire. La scelta di marchi meno lussuosi, consentirà a parità di prodotto, un rapporto qualità / prezzo migliore. Con questo non vogliamo certo dire che, per ottenere sanitari low cost bisognerà per forsa rivolgersi ad ebay o a qualche sito dell’est Europa. Aziende di accessori per bagno come Globo offrono articoli di tutte le fasce, in grado di offrire prezzi competitivi, senza rinunciare mai a caratteristiche tecniche di primo livello.

Un bagno di colori

Non si tratta soltanto di rendere più originale una stanza di servizio, generalmente sempre così simile e con un arredo standardizzato. Avere un bidet giallo o un water con una tinta diversa dal classico bianco ideal standard, gratifica il cuore, oltre agli occhi. Se un’azienda all’interno del suo stesso nome contiene la parola “standard”, non potrà certo soddisfare le famiglie alla ricerca di qualcosa di complementi d’arredo bagno più particolari e fuori dal comune. Lo sanno bene gli appasionati del feng shui, secondo cui ogni colore e il modo di arredare gli spazi interni di un’abitazione, possono influire più o meno positivamente sul nostro umore e sulla nostra gratificazione personale. Se è vero che comprare un bidet viola, non è da tutti, è anche giusto affermare come l’acquisto di un water trasparente non sia da considerare attribuibile solo ad un feticista, ma anche ad un architetto con una spiccata attitudine al design. I sanitari bagno moderni sono più rotondi e non hanno più sfumature cromatiche vicine al bianco o beige opaco, ma tendono ad essere più affini al grigio. Basta farsi un giro nel reparto bagno dell’Ikea o sfogliare il catalogo 2017 Dolomite per rendersi conto di come i sanitari grigi siano quelli più diffusi e in voga nel periodo. Tra i vantaggi di installare water colorati citiamo:

  • maggiore coerenza con le tendenze dei giorni nostri
  • aumento dell’allegria in un bagno, sempre più simile ad una “camera da letto”
  • capacità di abbinarlo a rivestimenti
  • possibilità di nascondere meglio lo sporco alla vista

In merito all’ultima affermazione ci preme sottolineare come, se su di bidet bianco puro o giallo avorio le pulizie diventano quasi un obbligo quotidiano, qualora decidessimo di collocare sanitari coloratissimi questa esigenza verrebbe meno, diventando meno impellente.

Nuovo o usato
Impossibile protendere per la seconda scelta, soprattutto quando si parla di oggetti in ceramica, così delicati e facilmente soggetti all’usura. Anche ad un primo e fugace sguardo, ci accorgeremmo senza troppe difficoltà, se si trattasse di sanitari per wc nuovi di zecca o di seconda mano. Considerato poi che si parla di prodotti che staranno a stretto contatto con i nostri genitali o comunque con le nostre parti più intime, sarebbe auspicabile essere più cauti ed investire qualche soldino in più, anziché comprarli già utilizzati. La tentazione però di comprarli su subito però ad un prezzo dimezzato o su kijiji da un utente che vive nella stessa città è forte e tantissime persone, intenzionate ad arredare il bagno senza sperperare cifre folli, preferiscono informarsi su come pulire e sterilizzare perfettamente un gabinetto usato, pur di acquistare qualcosa di più conveniente sotto il profilo economico. Tra gli aspetti che dovrebbero convincere a non intraprendere questa scelta sciagurata vi è la possibilità che non vi sia una perfetta corrispondenza tra merce fotografata e descritta nell’annuncio ed effettiva natura del prodotto. Il consiglio è di comprare bidet o lavabo per bagno usati, soltanto se il venditore che ha pubblicato l’inserzione risiede nella stessa città. In questo modo avrete la possibilità di vedere la merce di persona ed assicurarvi dello stato reale in cui si trova la merce da acquistare. Anche canali come Amazon non sono immuni a fregature, pertanto osservate sempre i feedback prima di acquistare e leggete ogni commento lasciato sul negozio o sul privato che vende il sanitario da bagno, prima di rimanere deluso per tempi di spedizione più lunghi o marchi “perfettamente contraffatti”. Meglio sapere che l’oggetto è ancora in garanzia, anche se, a seconda delle aziende produttrici, le modalità e i tempi di restituzione dei prodotti possono variare moltissimo. In conclusione, sarebbe preferibile spendere qualche euro in più, ma comprare un water nuovo sul quale ottenere assistenza e sulle cui condizioni di vendita possiamo mettere la mano sul fuoco.

Sanitari per disabili

sanitari-per-portatori-di-handicapQuando si ha intenzione di allestire un bagno affinchè sia utilizzabile anche da utenti con mobilità ridotta o con veri e propri handicap, non si può che incominciare dal comprare specifici sanitari. La necessità di rendere più agevoli le operazioni di lavaggio intimo, anche da parte di coloro i quali, per via dell’avanzare dell’età o a causa di un incidente stradale, rappresenta un dovere a cui ogni famigliare dovrebbe interessarsi. Si tratta il più delle volte di sanitari rialzati che facilitano la seduta sul wc o sul vaso del bidet, riducendo o annullando gli sforzi di sollevamento. Altra caratteristica essenziale, nel caso del gabinetto, è la presenza di un buco centrale, che permetterebbe una pulizia più agile, grazie ad un apertura che consente ad un braccio di entrare e quindi lavare l’ano, senza mai sollevarsi dalla tazza. L’acquisto di prodotti di ausilio per anziani e persone disabili consente  di ottenere particolari agevolazioni fiscali, rendendo la spesa meno salata.

In Italia esistono leggi che impegnano lo Stato a partecipare a parte delle spese per i sanitari di un bagno, aiutando le famiglie che vogliono allestire un bagno per parenti con disabilità motoria, ad esaudire questo desiderio, senza sborsare cifre troppo ingenti. Specificate sempre in fase di acquisto di voler richiedere prodotti ad iva agevolata, presentando tutti i documenti necessari, a seconda della necessità di richiedere un imposta di valuta al 10% o al 50%. Una soluzione a metà strada, tra il design, il comfort e la possibilità per anziani di vivere meglio lo spazio del bagno, è rappresentata dai wc combinati con bidet. Questi sanitari bagno hi-tech dimostrano sempre più interessa da parte del pubblico italiano, soprattutto per quel che riguarda la serie di water giapponesi prodotti da Geberit, attraverso la linea Acquaclean.

Stiamo alludendo a prodotti sofisticati, in grado di offrire tutto il benessere che un utente può cercare in un water, indipendentemente dall’età o dalle difficoltà fisiche di chi vive quella casa. I gestori degli hotel e dei b&b lo sanno benissimo ed è per questa ragione che preferiscono i water e bidet in uno, rispetto ai tipici sanitari per portatori di handicap. Si tratta di sanitari bagno più completi, perfetti per soddisfare un bacino d’utenza più grande, perchè capaci di migliorare l’uso di bidet e gabinetto, una volta superato il primo impatto con questo prodotto da bagno innovativo. In effetti sono ancora abbastanza le persone che guardano in maniera scettica i giapponesi quando si fanno il bidet sulla stessa seduta che ha permesso loro di evacuare. Trattasi soltanto di pregiudizi però, in quanto questi stessi utenti sottovalutano il piacere dato ad esempio da caratteristiche come il copriwc termoriscaldante, impostato sulla temperatura preferita o la comodità di una tazza in grado di massaggiare le natiche e favorire il rilassamento quando si fa la cacca, aspetto essenziale per evacuare completamente e in maniera appagante.

Per disporre di sanitari per famigliari penalizzati dal punto di vista locomotorio o anziani più in là con l’età, bisognerà valutare attentamente gli spazi disponibili nel bagno. Soprattutto in fase di sostituzione dei sanitari bagno, occorrerà sapere che le dimensioni dei sanitari per vecchietti sono più ingombrati rispetto i canonici 45-50 centimetri e richiedono più superficie calpestabile disponibile. Sono infatti bidet per disabili con wc più alti, con un design che piace a tutti e rende l’estetica appesantita dei vecchi sanitari per portatori di handicap soltanto un ricordo del passato. I gabinetti che troviamo ancora in molte aree di servizio della rete autostradale, caratterizzate da dimensioni grandissime, occupando quasi la totalità del locale, nelle ultime collezioni di arredo bagno per disabili, sono state infatti sostituite da soluzioni più slim e salvaspazio. Anche dal punto di vista dei materiali impiegati si nota un miglioramento, considerato come si tenda ad utilizzare pvc e resine più resistenti, ma anche ecologicamente più sostenibili. Sapere infatti che un gabinetto possa sopportare meglio il peso di una persona, ma anche in maniera migliore il peso ambientale legato alla sua produzione, è un aspetto da non sottovalutare.

Quale sanitario scegliere?

Domanda da un milione di dollari, praticamente il prezzo di un Acquaclean Sela, dotato di placce Geberit laccate in oro..
Non ci sentiamo di dover consigliare dei sanitari nello specifico, pur essendo pienamente convinti che esistano marchi o modelli con un rapporto tra costo e scheda tecnica migliore di altri. La nostra utilità però, per voi che ci leggete, potrebbe essere però quella di comprendere come delle caratteristiche possano condizionare non soltanto l’aumento del prezzo del prodotto, ma anche il vostro grado di soddisfazione nell’utilizzarlo o anche solo nel vederlo. Pensiamo ad esempio alla differenza tra i sanitari in acciaio inox e quelli in pietra, impeccabili sotto il profilo delle linee e del design, ma meno funzionali quando si parla di comfort. Potete ben immaginare come tanto un water in materiale pietroso, quanto un bidet realizzato in acciaio inossidabile, non rappresentino il “massimo” dal punto di vista termico, quando arriva l’inverno. Parte del problema potrà essere risolto posizionando un sedile per coprire il water di materiale isolante, ottenendo un livello di benessere maggiore, senza per questo compromettere l’eccezionale bellezza esteriore che soltanto la pietra e l’acciaio di ultima generazione possono assicurare.

Dove comprare e a quale prezzo

I negozi in cui comprare sanitari non mancano, basta solo avere le idee abbastanza chiare su che cosa comprare e sul budget che si ha a disposizione. Sarà sufficiente andare su Google e fare una ricerca online per comprendere come i costi dei sanitari variano tantissimo, a seconda dei modelli, dell’anno in cui sono stati prodotti e del marchio dell’azienda di appartenenza. Anche se sembra strano poter acquistare su internet degli oggetti ad esempio in ceramica, considerato il peso e la fragilità del materiale, in realtà la convenienza esiste ed anche sotto il piano dei trasporti bisognerà essere sereni, vista la presenza di corrieri espresso precisi e molto attenti all’imballaggio della merce. Non è certo un caso se colossi dell’ecommerce come Amazon commercializzano la vendita di sanitari bagno senza particolari problemi, offrendo dei prezzi più bassi del 15% rispetto la media degli show room che potrai trovare nella tua città. Sconti di questo tipo sono possibili grazie ad un impiego di meno “addetti alla vendita” e ad un numero di risorse umane inferiore, se confrontato con quello di un ciclo di vendita di uno store tradizionale. Su Amazon conviene comprare sempre se  si è iscritti al programma “prime”, in modo tale da ricevere dei vantaggi sia in termini di qualità di assistenza che in velocità di tempi di consegna dei sanitari. Prima di comprare su questo market place però, assicuratevi del prezzo di vendita proposto dal venditore, presso il quale vi accingete a finalizzare l’acquisto, direttamente sul suo sito. Sono frequenti i casi in cui i venditori offrono su Amazon gli stessi sanitari, ma a costi più alti, in quanto comprendono tra le spese anche le commissioni che pagheranno al portale su ogni vendita. In sostanza molti shop di arredo bagno si affacciano su Amazon per sfruttare la sua visibilità, ma vengono costretti, per realizzare un certo “utile”, a proporre i prodotti a prezzi maggiorati. Per avere in una sola schermata un’idea globale dei negozi che vendono quei modelli di sanitari da bagno ai costi più bassi, sarà più utile dare uno sguardo ai siti di comparazione dei prezzi. Il più famoso in Italia, quasi ci fosse bisogno di dirlo, è Trovaprezzi che, con un sistema di controllo delle opinioni di chi ha già comprato quel prodotto, permettono agli utenti di farsi un’idea abbastanza verosimile della serietà del venditore. Altri siti online che si stanno facendo conoscere e che puntano tutto su miglior prezzo e occasioni in stile outlet sono Mondo Convenienza e Self, che a colpi di sottocosto e offerte a scadenza, stanno sottraendo sempre più pubblico dai negozi tradizionali di sanitari bagno come Mercatone Uno, Bricoman e Leroy Merlin. Basta leggere le opinioni sui forum di negozi per arredare il bagno on lin come Dem Shop, per comprendere come l’interesse verso il web, quando si vuole sostituire i mobili e i complementi attorno a un lavabo, risulti in continuo aumento. Quanto costano i sanitari dipenderà da svariati fattori come:

  • anno di uscita sul mercato
  • marca del prodotto
  • qualità dei materiali adoperati
  • presenza di offerte 3×2

In ragione del primo punto sarebbe opportuno spendere qualche parolina sul ventaglio di aziende all’interno del quale selezionare i sanitari “papabili”.

Marchio di fabbrica

La passione degli italiani per il bagno, non si limita alla stagione estiva e alle piacevoli nuotate che possono fare sfruttando le migliaia di chilometri di costa del Paese. L’amore verso i sanitari di un bagno nasce anche da una grandissima scelta di marchi su cui ogni cittadino italiano può contare. La discriminante nella scelta in questo caso, ancora una volta, è dettata dalla fascia di prezzo, all’interno della quale generalmente classificare i prodotti venduti da ciascun azienda, dal prestigio del marchio stesso, dalle performance del sanitario, deducibili dal libretto delle istruzioni.
Di seguito riportiamo un elenco alfabetico di marche su cui potrete certamente contare, trattandosi di aziende serie, italiane, ma anche straniere, su cui gli utenti di forum e gruppi di discussione Facebook hanno espresso giudizi quasi sempre positivi:

sanitari bagno Azzurra
Axa
Blu
Catalano
Cielo
Dwg
Duravit
Eos
Esedra
Flaminia
Galassia
Ginori
sanitari bagno Globo
Hidra
Hatria
Iperceramica
Ideal standard
Jacuzzi
Jo bagno
Nuvola

Ogni azienda punterà a fidelizzare il proprio target di riferimento ed è per questo che tenderà a mantenere un proprio stile nella proposta di sanitari moderni per il bagno. Esistono aziende più datate che faranno dello stile classico un punto di forza e non uno svantaggio rispetto i competitors, sottolineando come l’azienda non abbia mai rinnovato il carattere più tradizionale. Vi sono alcuni importanti brand di sanitari italiani che puntano tutto sulla decorazione, cercando di offrire un vantaggio competitivo sugli altri negozi. Gli store che puntano su stili di sanitari retro o vintage, non è detto che non siano mai usciti dagli anni’60 o ’70, ma potrebbero invece cercare di stuzzicare le fantasie d’arredo di persone che cercano sanitari eleganti, ma non troppo moderni. La velocità con cui ogni anno le aziende produttrici lancino sul mercato modelli sempre nuovi, da un lato migliora la capacità di scelta degli utenti, ma dall’altro porta a confonderli un po’. Cercare le differenze tra i cataloghi di sanitari bagno 2013 e queli del 2014 o di quest’anno in corso, non è sempre facile, a testimonianza di come si tratti di tentativi di ingannare il tempo (se non proprio il pubblico), più che un modo per rinnovare le collezioni negli anni. Ovvio che quando si parla di sanitari bagno anni’30 o quelli dal design avveniristico ultra attuale, il discorso cambia, visto che si tratta di stili con tratti salienti ben caratterizzati e diversi tra loro. I gusti sono soggettivi e questo vale anche quando si scelgono sanitari per il proprio bagno di casa, ufficio o di una villa in montagna o a mare. Le foto sugli stili che potrete trovare in commercio le potete reperire facilmente attraverso Google immagini e si tratta di un bel vantaggio quando, di fronte a tanti nomi diversi, non immaginiamo minimamente le caratteristiche salienti raggruppate sotto termini come “shabby chic” o “water country”. Il miglior consiglio per scegliere i sanitari più idonei al proprio bagno è quello di sfruttare i mezzi resi disponibili sul web e quindi rintracciare tutti i dati e le specifiche realizzative, attribuibili a ciascuno stile. Con un po’ di pazienza e senza farsi prendere dalla smania dell’affare ad ogni costo, si può comprare qualcosa di perfetto per il proprio wc.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *